ADNKRONOS – BRASS, IN ‘FALLO’ LE MIE LETTERINE ‘ANTI MUCCINO’

ADNKRONOS – BRASS, IN ‘FALLO’ LE MIE LETTERINE ‘ANTI MUCCINO’

Maggio 13, 2003 0 Di Raffaella Ponzo

IL REGISTA SUL SET DEL NUOVO FILM A EPISODI, NO A MORALISMI SCIOCCHI

DI GAIA GUGLIELMUCCI

”Non basta un bel sedere per fare carriera se non c’è una mano che te lo spinge avanti”. L’ardita teoria è di Tinto Brass che è partito da questo ‘corollario’ per uno degli episodi di ‘Fallo!’, l’ultimo film erotico che il regista sta girando in questi giorni in una lussuosa villa di campagna a 50 chilometri da Roma. Per la trasposizione cinematografica della sua idea, Tinto ha pensato di esplorare, a suo modo e senza dare giudizi, il mondo della tv, delle letterine e dei dirigenti televisivi che, facendo leva sulla voglia delle ragazze di sfondare nel mondo dello spettacolo, approfittano di loro.
In uno dei sei episodi, intitolato ‘A sta a B’, Brass polemizza indirettamente ”contro quei colleghi che sparano a zero contro l’uso di pretendere dei pedaggi”. Un ”moralismo sciocco”, dice definendo ‘Ricordati di me’ di Muccino ”fatto abilmente ma con un’ottica lugubre”. ”Non mi è piaciuto il mesaggio del film”, aggiunge non esitando poi a definire Moretti ”lassativo”.
Per ‘Fallo!’, Brass ha chiamato a raccolta un nutrito cast di giovani ragazze (con un inevitabile ”bel campionario di sederi”, commenta), per la maggior parte attrici non professioniste e reclutate attraverso internet, per descrivere ”un immaginario erotico femminile di massa sempre più scatenato” ma nello stesso tempo ”allegro e giocoso”. Il tutto tradotto in episodi ”divertenti, scanzonati e provocatori”.

UNA SCHIERA DI LAUREATE PER LA PELLICOLA CHE USCIRA’ A SETTEMBRE
– Già i titoli dei diversi episodi di ‘Fallo’, che in fase di montaggio potrebbero anche intrecciarsi fra loro, sono esemplificativi. Fra questi, ‘Non lungo che tocchi’, ‘Dimmi porca che me piaze’ e ‘Botte d’allegria’. Accompagnato come sempre dall’inseparabile Tinta, la moglie Carla Cipriani, Brass ha deciso di girare fra Londra, Casablanca, Rimini, l’Alto Adige e Cap d’Agde, dove c’è una nota spiaggia di nudisti. Le riprese, in questi giorni nella villa romana dove si girano gli interni, sono iniziate il 14 aprile. Sei settimane di lavorazione per l’uscita prevista i primi di settembre. Le interpreti di ‘Fallo!’, circa una decina, che si muovono con disinvoltura in vestiti provocanti e succinti sul set, non risparmiando le loro nudità ai giornalisti tv accorsi per intervistarle, hanno in molti casi un passato universitario alle spalle e qualche esperienza con Tinto nel cassetto. Ma ci sono anche, come dice lo stesso regista, ”un sacco di maestrine che per venire qui devono chiedere il permesso al preside e che recitano nel film come reazione alle frustrazioni che gli ha dato la Moratti”.
Così Maruska Albertazzi, sul set la più coperta, pantaloncini inguinali e canotta bianca, spiega di essersi laureata in Scienze delle Comunicazioni. Si definisce una ”intellettuale erotica” anche se da piccola sognava di fare la missionaria.

NEL CAST ANCHE UNA BROKER E UNA CONCERTISTA
– E se Federica Tommasi è una broker di borsa prestata per la prima volta al cinema, Virginia Barrett, vestita da tirolese ma in versione ‘sotto il vestito niente’, è diplomata in pianoforte. Ci sono poi Sarah Cosmi, già vista in ‘Fermo Posta Tinto Brass’, abito nero lungo completamente trasparente, Angela Ferlaino, giacca cravatta e reggicalze, Raffaella Ponzo, laureata in sociologia e Silvia Rossi, laureata in lingue. Nel gruppo spiccano Max Parodi e Andrea Nobili, attore di porno. Tutti contribuiranno a raccontare ”disincantate e boccaccesche schermaglie amorose di coppia”, spiega Brass. E non mancheranno ‘menage a trois’, legami saffici, un pò di sadomaso e un pizzico di voyeurismo. ‘Fallo’, scritto e sceneggiato con Tinta dallo stesso Brass, è prodotto da Renata Rainieri con Ugo Tucci.